Showing: 1 - 1 of 1 RESULTS

aspetti di gestione delle conoscenze e delle tecnologie dell

Partendo da un'ampia base comune, il Corso si articola in un unico percorso curriculare, indirizzato a una spiccata vocazione territoriale con la conoscenza di almeno due lingue straniere. Infine, la preparazione teorica trova il suo completamento pratico con la frequenza obbligatoria di un tirocinio formativo, svolto presso Enti pubblici o privati attivi nel comparto del turismo.

Il duplice e connesso rapporto tra componenti fisiche e antropiche e tra salute dell'ambiente e della popolazione acquisisce, allo stato attuale, grande valenza per le implicazioni che possono scaturire a diversi livelli.

Si rende, dunque, opportuna la formazione di figure dotate di competenze integrate, che siano in grado di fornire un'attenta lettura interpretativa dei processi e dei fenomeni che si vanno sviluppando e un'analisi dettagliata e relazionale degli elementi che caratterizzano i diversi contesti, a scala locale e globale. Si prevede, contestualmente, la prosecuzione dell'approfondimento delle competenze linguistiche. Tali conoscenze e livelli di comprensione saranno raggiunti attraverso la frequenza sia degli insegnamenti caratterizzanti, sia dei seminari e momenti esercitativi specifici previsti dal percorso formativo.

Università e futuro

Tali competenze verranno raggiunte ponendo particolare attenzione, attraverso analisi di scenario, indagini territoriali e specifici casi di studio, agli aspetti applicativi di tutti gli insegnamenti. I laureati sono in grado di utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre all'italiano. Possiedono competenze specifiche relativamente alle strategie di sviluppo locale, al marketing territoriale, al wellbeing e alla legislazione dei beni culturali, paesaggistici e ambientali.

Le conoscenze richieste per l'accesso al Corso saranno verificate attraverso una prova scritta, somministrata nel mese di settembre e, in una seconda tornata, ai primi di dicembre. Gli studenti che non avranno superato il test dovranno ripeterlo in una successiva tornata. Patrizi, che cura costantemente il percorso formativo degli studenti, in un contatto continuo, offrendo supporti per l'orientamento in itinere, con gruppi di ascolto e di sostegno nei quali vengono attivamente coinvolti gli studenti.

Il Consiglio del CdS conferma quindi l'attribuzione di incarichi di tutorato ai singoli docenti e, attraverso il Presidente, monitora la situazione degli iscritti regolari attivi al fine di limitare al massimo gli inattivi e gli studenti fuori corso.

In particolare, vengono costantemente aggiornati, con dati sensibili da estrapolare per le azioni di monitoraggio in itinere, i Report per l'analisi della popolazione studentesca e i Report sui Questionari di Valutazione. Gli iscritti al primo anno che non avranno ancora acquisito 40 CFU e gli iscritti al secondo anno che non avranno ancora acquisito 80 CFU - valori soglia, ideali individuati al fine di garantire una popolazione studentesca attiva e scongiurare i fuori corso - saranno contattati dal Presidente e dai docenti tutor, con l'intento di comprendere le motivazioni di un percorso potenzialmente in ritardo e, possibilmente, di porvi rimedio.

I laureati nella Classe L-6 sono certamente in possesso delle specifiche e diversificate competenze che consentono loro il pieno svolgimento di professioni inerenti alla gestione dell'offerta turistica.

La prova finale rappresenta un importante momento per tradurre in pratica, con un lavoro proprio, le competenze teoriche, metodologiche e applicative acquisite durante il proprio percorso. Salta al contenuto principale. Anno Accademico:.

Corso di laurea: Scienze e tecnologie agrarie A.A. 2019/2020

Tipo di corso:. Lingua di erogazione:. Denominazione in lingua inglese:. Classe di laurea:. Interclasse di laurea:. Durata in anni:. Dipartimento - Personale afferente:. Il corso prevede l'attribuzione di OFA:. Tipo di accesso:.

aspetti di gestione delle conoscenze e delle tecnologie dell

Corso ad accesso libero. Obbligo di frequenza:. Codice del corso di studio:. Sito web - Dipartimento:. Anno di corso: 1 A. Anno di corso: 2 A. Anno di corso: 3 A. Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati:. Consulente in ambito turistico, culturale e ambientale.

Orientamento in ingresso:.Altri due corsi di studio della stessa classe sono presenti nell'Ateneo di Sassari: Scienze Agro-Zootecniche, indirizzato prevalentemente alla formazione nell'ambito delle scienze e tecnologie legate alle produzioni animali, e Scienze Forestali e Ambientali, nella sede di Nuoro, indirizzato alla formazione per la gestione delle risorse naturali in ambito forestale.

La laurea in Scienze e tecnologie agrarie consente l'accesso diretto alla laurea magistrale in Sistemi agrari. I corsi di insegnamento di base comprendono discipline matematiche, fisiche, chimiche e biologiche che costituiscono la base formativa essenziale per un professionista capace di interpretare in modo olistico le problematiche specifiche dei sistemi agrari.

Le discipline caratterizzanti hanno l'obiettivo di fornire allo studente strumenti metodologici e competenze tecniche professionalizzanti con particolare riguardo alle discipline economico-estimative e dell'ingegneria agraria.

I corsi di insegnamento nell'ambito delle produzioni vegetali, della difesa e delle scienze animali hanno l'obiettivo di fornire allo studente soprattutto la competenza metodologica multidisciplinare utile ad affrontare l'analisi degli agroecosistemi con approccio sistemico e sono quindi propedeutiche al percorso formativo della laurea magistrale in Sistemi agrari.

La formazione del laureato in Scienze e tecnologie agrarie si fonda su una solida preparazione acquisita attraverso le discipline di base matematiche, fisiche, chimiche e biologiche. Il percorso formativo prevede approfondimenti e un continuo aggiornamento sulle conoscenze metodologiche di indagine e sugli strumenti di analisi quali-quantitativa caratteristici delle scienze e tecnologie agrarie.

Nel complesso del corso di studio possono essere individuate due macroaree: - Produzioni Agrarie, relativo alla gestione dei principali fattori biotici e abiotici che influiscono sugli agroecosistemi; - Progettazione Agraria, riguardante l'utilizzo degli strumenti di base per la progettazione tecnica in campo agrario. L'acquisizione degli strumenti tecnici e di analisi permetteranno al laureato di affrontare con competenza la progettazione di opere e impianti per lo sviluppo dell'azienda agraria, la progettazione tecnica nel campo dell'agro-ambiente in un contesto di rispetto ambientale e la pianificazione del territorio rurale.

Gli studenti che che presentano un livello di conoscenze non idoneo, possono immatricolarsi con un Obbligo Formativo Aggiuntivo OFAche deve essere assolto entro la fine del primo anno di corso. Lo studente che non assolve l'obbligo formativo aggiuntivo viene iscritto come ripetente al primo anno di corso e non ha diritto ad abbreviazioni di carriera. Nell'ambito dello stand del Dipartimento viene illustrata l'offerta formativa del Corso di studi e proposti seminari scientifico-divulgativi atti a mostrare i diversi ambiti di studio e di ricerca sviluppati.

Il Dipartimento promuove incontri nelle scuole o visite delle scolaresche presso la nostra sede. Gli incontri sono rivolti principalmente alle Classi Quinte degli Istituti Superiori della Sardegna, ma sono estesi anche agli studenti delle altre classi, ove vi sia interesse. Per la divulgazione e condivisione delle informazioni viene anche molto utilizzato dagli studenti e dai docenti il social network Facebook. Il Corso di studi prevede un'apposita commissione di tutorato e orientamento composta da 4 docenti e da studenti che si renderranno disponibili a collaborare, che si occupa, oltre che di orientamento, anche di monitoraggio delle carriere e valutazione.

82455 - GESTIONE DEL CLIMA E TECNOLOGIE IN SERRA

Periodicamente il Dipartimento organizza e promuove convegni e incontri con rappresentanti del mondo del lavoro, le associazioni di categoria, le aziende, gli esperti che operano nei settori produttivi attinenti ai Corsi di studi.

L'Ateneo d Sassari ha attivato un servizio di Placement volto a fornire assistenza ai laureati nella ricerca del lavoro e nella predisposizione di tirocini post lauream. Tutti i Corsi di Laurea del Dipartimento prevedono un Tirocinio pratico-applicativo obbligatorio da svolgersi presso aziende private o Enti pubblici. Nel manifesto degli studi sono indicati i corsi di insegnamento per i quali i rispettivi docenti si impegnano a offrire i seguenti servizi in lingua inglese agli studenti stranieri: materiale didattico, ricevimento e assistenza studenti, prove intermedie e finale.

Regolamento Carriere - Tasse.Corso di laurea: Scienze e tecnologie agrarie A. Saranno utilizzate prove di esame a contenuto prevalentemente orale, prove scritte individuali e, ove previsto, di gruppo. La verifica del raggiungimento di questo obiettivo formativo consiste nella certificazione del profitto raggiunto dallo studente nelle diverse prove di esame, negli elaborati scritti individuali, nelle presentazioni, eventualmente multimediali, di progetti o di argomenti specifici assegnati, nelle discussioni e relazioni di gruppo, nella presentazione dell'elaborato finale dinanzi alla commissione di laurea.

Requisiti di ammissione Per essere ammessi al Corso di Studio occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. Prova finale Per essere ammessi alla prova finale, che comporta l'acquisizione di 5 crediti, lo studente deve avere acquisito i crediti previsti. La prova finale consiste nella discussione di un elaborato, in lingua italiana o altra lingua straniera, svolto sotto la supervisione di un docente che assume il ruolo di relatore, anche di altro Ateneo.

Nel quadro di queste iniziative, il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie ha prodotto e distribuito in formato elettronico una "Guida per le matricole".Come siete arrivati allo scambiatore? Come funziona il recuperatore di calore? Peccato che, tuttavia, in Italia manchi una regolamentazione, nonostante il mercato sia — in modo caotico — in crescita.

Mentre parla, Guantieri non dimentica di farci osservare ogni particolare dello stabilimento. Lo stesso manager, uscendo dalla produzione, ricorda come sia fondamentale, sempre in ottica di innovazione, la condivisione delle informazioni con tutta la filiera. Come nascono e come si sviluppano i vostri prodotti?

Innanzitutto operiamo attraverso una procedura per fasi successive che parte da una scheda di marketing contenente i requisiti del prodotto necessario e anche volumi e margini attesi dalle vendite: lavoriamo con team di sviluppo interfunzionali coordinati da un team leader.

Quali sono le strategie per alimentare lo sviluppo dei nuovi prodotti? Insomma, tutto si basa sulla condivisione della conoscenza? I tool restano solo gli strumenti per agire. Infatti mettiamo a disposizione anche un numero verde dedicato per le informazioni, un numero per la consulenza su impianti e prodotti e una casella email.

aspetti di gestione delle conoscenze e delle tecnologie dell

Quindi anche la tecnologia ha rappresentato un ruolo importante nel change management di Vortice? Appena arrivato ha dovuto gestire il cambiamento: come ha impostato il lavoro? Oltre alla mission, su cosa ha puntato il suo progetto di change management?

Che significa? Quali progetti avete lanciato in ambito di welfare? E anche con le aziende esterne con cui collaboriamo abbiamo cercato di garantire sempre, anche se ovviamente con volumi ridotti, il lavoro.

Sito web. Pubblica il commento. Cookie Policy Privacy Policy. Close this module. Trovi interessanti i nostri articoli?

Please fill out all required fields.Scopriremo gli strumenti e le tecnologie abilitanti e approfondiremo alcuni use case attraverso la presentazione di esperienze realizzate con imprese.

La gestione delle informazioni e delle competenze per una nuova organizzazione del lavoro in cooperativa Home News InAdventures La gestione delle informazioni e delle competenze per una nuova organizzazione del lavoro in cooperativa. Mostra tutto. La gestione della conoscenza in impresa come leva per una nuova organizzazione del lavoro. Tre appuntamenti online:. Un ciclo di webinar sulle tecnologie digitali e gli strumenti innovativi per implementare nuovi modelli organizzativi di lavoro in questa fase di ripartenza.

Iscriviti alla nostra newsletter, per scoprire i prossimi eventi! Dichiaro di aver preso visione e di accettare il trattamento dati ai sensi del D. Leggi l'informativa sulla privacy. Facebook 0 LinkedIn Twitter 0 0 Shares. Link rapidi Cloud Platform: rivenditore google cloud platform reseller google cloud platform gestione progetti da mobile archiviare file aziendali online gestione database tramite google spazio per memorizzare dati memorizzare dati d'azienda gestione video in cloud.Per soddisfare le esigenze del mercato, le soluzioni di chiusura per vini fermi si sono diversificate e molti criteri di selezione sono considerati ad oggi quando si effettua una scelta.

Clicca qui per iscriverti al webinar. Figura 1: Distribuzione delle diverse soluzioni di tappatura per i vini fermi a livello mondiale nel fonte Vinventions.

Considerato per molto tempo come un semplice metodo di chiusura delle bottiglie, la tappatura dei vini fermi deve oggi soddisfare un gran numero di criteri per andare incontro alle esigenze dei produttori, dei distributori ma anche dei consumatori. Gli utenti dovrebbero considerare i criteri esposti di seguito per mettersi nelle condizioni di ottenere vini senza difetti, conservati nelle migliori condizioni prima di essere degustati e con un successo duraturo sul mercato.

In effetti, a causa dell'assenza di un'accurata tecnologia di misurazione dell'ossigeno e facile da gestire su un gran numero di test simultanei, gli autori non potevano dimostrare le loro ipotesi. Il metodo di riferimento all'epoca era un metodo che utilizzava la tecnologia Mocon Peck et al.

Diversi metodi sono stati quindi sviluppati da diversi team. Una tecnologia non invasiva basata sulla luminescenza che utilizza sensori che possono essere incollati all'interno di bottiglie trasparenti, la tecnologia NomaSense Wine Quality Solutions. L'obiettivo era sviluppare un metodo rapido, economico e preciso. L'implementazione del metodo rimane relativamente semplice ma richiede ancora molta cura date le condizioni di inertizzazione prima della misurazione.

Materiale Sono usate bottiglie in vetro trasparente da ml. I sensori PSt6 di Wine Quality Solutions sono incollati all'interno di queste bottiglie per consentire una misurazione non invasiva nel tempo. Questi sensori sono calibrati in fabbrica. Tappatura La tappatura delle bottiglie rimane il punto critico di questo metodo. La doppia inertizzazione con azoto 5. Sono eseguite 2 misurazioni al giorno per 14 giorni. La fibra ottica viene applicata sul vetro all'esterno della bottiglia nella direzione dei sensori PSt6 bloccati all'interno come mostrato nella foto 2.

L'analizzatore emette una luce blu che eccita il luminoforo contenuto nel sensore. Il modello sviluppato si basa sulle leggi di Fick e di Henry e sulle equazioni di diffusione di Crank. Questo documento mostra anche la buona correlazione tra i risultati previsti dopo 14 giorni e quelli ottenuti tramite il metodo Mocon.

Questa curva, che segue il modello sviluppato sulla base dell'equazione di Crank, consente di distinguere due fasi distinte ma interconnesse dall'equazione di Crank:. Una prima fase di desorbimento ossigeno compresso nel tappo e liberato nella bottigliaseguita da una fase di equilibrio denominata OTR fase di trasferimento costante di ossigeno attraverso il tappo.

Da allora, il tappo Nomacorc Reserva beneficia di questo stesso trattamento brevettato. Questi due tappi sono gli unici con queste caratteristiche avanzate nella gestione dell'ossigeno. Inoltre, a differenza delle soluzioni di tappatura con OTR molto bassi, i maggiori input di ossigeno in seguito consentono di combattere i fenomeni di riduzione che possono verificarsi durante l'invecchiamento dei vini Ugliano et al. I materiali utilizzati in base al tipo di tappi hanno caratteristiche intrinseche di diffusione dell'ossigeno che definiranno i tassi di passaggio dell'ossigeno.

In secondo luogo, a seconda dello spessore dei materiali e dell'organizzazione cellulare o molecolare di questi materiali, i tassi di diffusione apparenti possono variare ampiamente.Altri due corsi di studio della stessa classe sono presenti nell'Ateneo di Sassari: Scienze Agro-Zootecniche, indirizzato prevalentemente alla formazione nell'ambito delle scienze e tecnologie legate alle produzioni animali, e Scienze Forestali e Ambientali, nella sede di Nuoro, indirizzato alla formazione per la gestione delle risorse naturali in ambito forestale.

La laurea in Scienze e tecnologie agrarie consente l'accesso diretto alla laurea magistrale in Sistemi agrari. I corsi di insegnamento di base comprendono discipline matematiche, fisiche, chimiche e biologiche che costituiscono la base formativa essenziale per un professionista capace di interpretare in modo olistico le problematiche specifiche dei sistemi agrari. Le discipline caratterizzanti hanno l'obiettivo di fornire allo studente strumenti metodologici e competenze tecniche professionalizzanti con particolare riguardo alle discipline economico-estimative e dell'ingegneria agraria.

I corsi di insegnamento nell'ambito delle produzioni vegetali, della difesa e delle scienze animali hanno l'obiettivo di fornire allo studente soprattutto la competenza metodologica multidisciplinare utile ad affrontare l'analisi degli agroecosistemi con approccio sistemico e sono quindi propedeutiche al percorso formativo della laurea magistrale in Sistemi agrari.

Nell'ambito dello stand del Dipartimento viene illustrata l'offerta formativa del Corso di studi e proposti seminari scientifico-divulgativi atti a mostrare i diversi ambiti di studio e di ricerca sviluppati. Il Dipartimento promuove incontri nelle scuole o visite delle scolaresche presso la nostra sede. Gli incontri sono rivolti principalmente alle Classi Quinte degli Istituti Superiori della Sardegna, ma sono estesi anche agli studenti delle altre classi, ove vi sia interesse.

Per la divulgazione e condivisione delle informazioni viene anche molto utilizzato dagli studenti e dai docenti il social network Facebook. Il Corso di studi prevede un'apposita commissione di tutorato e orientamento composta da 4 docenti e da studenti che si renderranno disponibili a collaborare, che si occupa, oltre che di orientamento, anche di monitoraggio delle carriere e valutazione.

Periodicamente il Dipartimento organizza e promuove convegni e incontri con rappresentanti del mondo del lavoro, le associazioni di categoria, le aziende, gli esperti che operano nei settori produttivi attinenti ai Corsi di studi.

L'Ateneo d Sassari ha attivato un servizio di Placement volto a fornire assistenza ai laureati nella ricerca del lavoro e nella predisposizione di tirocini post lauream. Tutti i Corsi di Laurea del Dipartimento prevedono un Tirocinio pratico-applicativo obbligatorio da svolgersi presso aziende private o Enti pubblici. Nel manifesto degli studi sono indicati i corsi di insegnamento per i quali i rispettivi docenti si impegnano a offrire i seguenti servizi in lingua inglese agli studenti stranieri: materiale didattico, ricevimento e assistenza studenti, prove intermedie e finale.

Regolamento Carriere - Tasse. Salta al contenuto principale. Anno Accademico:. Tipo di corso:. Lingua di erogazione:.

Denominazione in lingua inglese:. Classe di laurea:. L - Classe delle lauree in Scienze e tecnologie agrarie e forestali. Interclasse di laurea:.